La trama

Sono passati molti anni, ma la “febbre da cavallo.” di Bruno Fioretti (Gigi Proietti), in arte Mandrake, non accenna a calare! Grazie al sua sorriso magico, Bruno si è fidanzato con Lauretta (Emanuela Grimalda), anche lei padrona di un bar come la sua precedente fiamma, alla quale ha giurato di mettere la testa a posto. E’ infatti, ufficialmente, Bruno lavora come attorucolo e generico a Cinecittà. Ma nei momenti meno ufficiali, insomma sempre, Mandrake continua a giocare e a rovinarsi con le corse al trotto. Pomata (Enrico Montesano), il suo socio storico, èscamparso, inseguito dalla rabbia dei tanti giacatori di Tor di Valle ai quali doveva ” ‘na cifra”. Mandrake lo ha sostituito con Micione (Rodolfo Lagana) e l’ingegnere (Andrea Ascolese), due sciagurati nullafacenti che pensano anche loro solo alle scommesse. Micione, indalente come un micio, vive ancora con i genitori, rubacchiando in casa sui resti della spesa e facendosi prestare i soldi dalla portiera. L’ingegnere, studente bolognese fuori corso, mantenuto a Rama dall’assegnuccio del padre, invece di studiare ha inventato un sistema “infallibile” col camputer. Infallibile a parole, perchè quando i nostri tentano di metterlo in pratica… col “caschio maschio e senza fischio” che vincono! Mandrake, però, è uomo dalle mille risorse. Durante una sfortunata trasferta all’ippodromo di Montecatini nota un cavallo brocco che assomiglia come due gocce d’acqua ad un campione di Tor di Valle. E subito gli viene in mente una…supemandrakata! Che sarebbe una “sola” ippica coi controfiocchi. Per realizzarla, oltre a Micione e l’ingegnere, fa entrare in società Aurelia (Nancy Brilli), una bella ma sfigatissima attrice in cerca di gloria, la quale non ha mai sfondato perchè non accetta compromessi. AI gruppo si aggiunge anche un disgraziato ragioniere napoletano, tale Antonio Faiella (Carlo Buccirosso), al quale i nostri hanno truffato dei soldi, li hanno giocati, li hanno persi e che quindi, per recuperarli, è costretto ad entrare in sacietà con loro. Poi, per ultimo, a sorpresa, si aggiungerà al gruppo anche il mitico Pomata. Che era scomparso, ma…… II film e la storia di questa nuova “mandrakata”, vera e propria “stangata” all’italiana. Ancora una volta, e l’occasione per portare sullo schermo il mondo buffissimo degli scommettitori, con le lora pazzie, le lora illusioni, le loro vite strampalate, sempre in bilico tra speranza e disperazione. II tutto, inutile dirlo, accompagnato dalle trascinanti note del tema musicale del primo film..”.

Annunci